Ottobre, ci prepariamo all'inverno.

Inizia il cambio di stagione, nei nostri armadi sostituiamo i vestiti estivi con quelli più pesanti ed invernali. Gli abiti leggeri vengono archiviati... come i ricordi del sole e delle giornate calde. Sostituiamo scarpe e giacche e ci prepariamo alla stagione fredda, quella in cui siamo maggiormente rintanati e sentiamo più la solitudine. A volte penso che l'autunno e l'inverno siano i periodi più concreti, dove siamo più portati ad essere a contatto con noi stessi e di conseguenza a sistemare le questioni per noi importanti. Se nel nostro immaginario l'estate è il periodo delle ferie, l'inverno è il periodo del lavoro, dove concretizziamo e costruiamo qualcosa per noi. Mi viene da pensare che a livello psichico l'inverno ci porta a guardare "dentro" e a vedere con onestà le questioni lasciate in "sospeso" e che aspettano di essere guarite e sistemate. Tocca a noi … e solo a noi la scelta!

Settembre è il mese in cui ripartiamo

La fine dell'estate è come chiudere un bellissimo capitolo e accingerci ad aprirne un altro… il nuovo anno che arriva, di cui settembre ne è il simbolo, porta tanta voglia di fare e tante buone e nuove intenzioni.

Fin da bambini ci portiamo il ricordo di settembre come l'inizio della scuola, una nuova avventura con nuovi compagni e nuove insegnanti. Credo che ancora oggi questa sensazione ci appartenga e con la fine dell'estate sentiamo il bisogno di organizzarci e preparare la nostra vita per i prossimi mesi.

Progettiamo noi stessi, i nostri obiettivi ed i nostri desideri. E' il momento di fare e di passare all'azione e di riprendere in mano ed affrontare tutte le cose lasciate in sospeso.

Il nostro benessere non va in vacanza.

Agosto è tempo di ferie. Nel mese più vacanziero dell'anno prendiamo del tempo per noi stessi e per ascoltare i nostri desideri. Liberi dal lavoro a dagli impegni quotidiani si rischia di non essere più abituati a "stare con se stessi" e questo può comportare tensioni con chi abbiamo al fianco. Non è mai troppo tardi per occuparci di noi. Il nostro benessere non va in vacanza.

In estate prendiamoci cura di noi.

Sole, mare, caldo… l'arrivo dell'estate e delle belle e lunghe giornate rappresenta sicuramente un tocca sana per il nostro spirito. Proprio nei momenti di maggiore svago diventa necessario prestare attenzioni a noi stessi e ai nostri bisogni. L'estate e le ferie possono diventare l'occasione per occuparci di noi e del nostro benessere emotivo.
Perché in fondo sentiamo la necessità di occuparci di noi e risolvere le questioni sospese.
Avere uno scambio e delle indicazioni dallo Psicologo possono essere sufficienti per riprendere il giusto sentiero.